Smart Landscape: confermato il ruolo strategico della Città di Ortona

Smart Landscape: confermato il ruolo strategico della Città di Ortona

Comunità

Importanti riflessioni nel partecipato incontro su città intelligenti e connessione tra territori.

L’incontro pubblico sul tema “Smart Landscape: dalle città intelligenti alla connessione tra territori”, organizzato lo scorso venerdì 15 novembre presso l’Auditorium della Sala Eden di Ortona dall’Associazione culturale Ortona Popolare, con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Chieti, ha riscosso grande successo tra i numerosi professionisti e cittadini presenti.

Nel corso degli apprezzati interventi, moderati dal coordinatore di Ortona Popolare Gianluca Coletti, è emersa la conferma delle potenzialità strategiche della Città di Ortona.

Dopo i saluti istituzionali dell’Assessore all’urbanistica del Comune di Ortona Gianni Totaro, che ha sottolineato l’importanza di portare a termine entro il 2020 l’approvazione del PRG di Ortona, è intervenuto l’arch. Massimiliano Caraceni, Presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Chieti, che ha descritto l’evoluzione del complesso rapporto tra Smart City e struttura urbana. È stato evidenziato come sia ormai fondamentale attuare una pianificazione urbanistica intelligente utilizzando i modelli e gli strumenti dell’innovazione digitale.

Il prof. Roberto Mascarucci, ordinario di urbanistica all’Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti – Pescara e Presidente della Sezione Abruzzo e Molise dell’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU), ha evidenziato le possibili strategie di interconnessione tra i sistemi urbani nel territorio. Le moderne tecnologie dell’informazione e della comunicazione consentono, infatti, una visione strategica più ampia delle città e delle comunità che va oltre il concetto di confine amministrativo.

Nicola Ferrari, consulente esperto in telecomunicazioni, pioniere in Italia della realizzazione sin dai primi anni ’80 di reti di telecomunicazione in fibra ottica, nel suo intervento, particolarmente apprezzato, ha descritto le criticità e le prospettive delle infrastrutture digitali. Allo stato attuale, per quanto riguarda il territorio ortonese, la rete in fibra ottica consente di implementare gradualmente le moderne tecnologie digitali per migliorare la vita dei cittadini, dei professionisti e delle imprese.

Internet delle cose, blockchain e intelligenza artificiale, attraverso la pianificazione intelligente, possono assicurare alle comunità un miglioramento nella logistica, nella mobilità, nelle politiche ambientali, nell’economia, nella cultura, nell’inclusione sociale e nei servizi della pubblica amministrazione. Con la pianificazione intelligente è possibile attuare scelte di politica urbana e programmi di azione che riescono a garantire, mediante nuove categorie interpretative, interconnessioni tra vari sistemi urbani con opportunità di crescita, sviluppo e benessere per le comunità.

In questa ottica è stato ribadito che la Città di Ortona ha enormi potenzialità di sviluppo, avendo un ruolo centrale di interconnessione tra tre sistemi urbani. Verso l’area metropolitana Chieti – Pescara, con le potenzialità del porto a sostegno delle attività produttive, sulla costa fino a San Salvo, con la Via Verde della Costa dei Trabocchi, per favorire il turismo, verso l’interno, lungo la Marrucina fino ad Orsogna, con un ruolo fondamentale nell’economia vitivinicola regionale.